L’emozione di cantare in coro

Pubblicato: 4 novembre 2011 in Musica
Tag:, , , , , ,

C’è proprio gusto a cantare in coro: spirito di squadra, amicizia, misticismo, voli immensi nella storia e nel tempo, tutto si fonde nell’ emozione di cantare in coro. A tutti piace cantare in coro, è una cosa innegabile. Già la musica in generale avvicina e rende la comunicazione fra le persone più spontanea e diretta, ed in più il cantare è una pratica liberatoria, emozionante, divertente e tra l’altro semplice, tutti possono farlo. Quindi che c’è di meglio del cantare in coro?

Anticamente il canto liturgico è stato per diversi secoli l’unica forma musicale esistente, derivante dagli antichi canti religiosi ebraici e confluito nel canto gregoriano (dal nome del suo fondatore Papa Gregorio Magno), ed in seguito (dopo circa 600 anni) esso trovò una forma meno liturgica ma più artistica con l’avvento e lo sviluppo delle prime forme polifoniche. A quel tempo le donne erano escluse dalla pratica del canto – sacro o profano che fosse – ed allora le parti acute erano affidate agli uomini che cantavano in falsetto (castrati) e la vocalità prese tutt’altra strada. Ma dopo il tempo del Rinascimento, la musica corale si estese al di là della sola liturgia e le parti corali presenti nei melodrammi e negli oratori si svilupparono secondo regole armoniche precise e perfette nel loro equilibrio, fino ad arrivare (con le opere di Vivaldi, Bach, e Handel) al massimo splendore, per poi giungere alle pagine sublimi di Mozart e Beethoven. Inoltre, la musica corale occupa un posto rilevante nell’educazione e nella formazione d’ogni individuo, perché il coro è una vera e propria scuola che educa la persona ad interagire con gli altri membri del gruppo: fondamentale è per un corista il controllo della propria voce in relazione a quella degli altri, facendo in modo che essa si amalgami e non prevarichi mai sull’insieme.

Ed ecco che ascoltarsi ed ascoltare sono due elementi fondamentali per chi canta in un coro. L’attività corale è quindi altamente educativa, ha in sé una naturale e riconosciuta capacità psicoterapeutica e sa favorire il corretto sviluppo dell’equilibrio mentale ed il benessere generale, per l’evoluzione intellettiva dell’essere umano e per fare in modo che esso possa far emergere tutte le sue potenzialità. Cantare in coro è dunque una vera e propria disciplina, dove c’è bisogno di ordine, attenzione, concentrazione, controllo, cultura specifica, sensibilità e capacità relazionali. Il canto corale è un’espressione quasi spontanea per le nostre genti, pertanto è auspicabile mantenere in vita i canti della tradizione, far sì che non vada perduto un patrimonio vasto ed importante tanto sotto il profilo strettamente musicale che sotto quello storico-etnografico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...